Il Sindaco - Comune Lercara Friddi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Sindaco

Il Comune > Amministrazione
 
 
 



Il Sindaco



     Carissimi Concittadini,
Mi rivolgo a Voi con l'affetto di sempre ai fini di una corretta informazione in merito alla questione dei confini territoriali tra Vicari e Lercara Friddi.
L'odierno articolo pubblicato sul Giornale di Sicilia risulta non documentato, lacunoso e fuoriero di possibili errori interpretativi.
Difatti, ad onor del vero, fin dall'inizio del mio attuale mandato ho cercato, con incessante impegno, di risolvere l'incresciosa ed anacronistica situazione.
Sia a livello istituzionale che a livello personale mi sono impegnato e speso affinchè i Nostri Concittadini ritornino a pieno titolo a far parte della nostra comunità.
E' vergognoso che a distanza di anni dallo svolgimento del referendum, venga tutt'ora tradita la Volontà Popolare.
Porto alla Vostra conoscenza (tra gli altri atti) due lettere [allegati] da me inviate agli Organi preposti in data 4 marzo 2015, dove denunciavo il persistente stallo burocratico.
Desidero comunicare che lo stesso disegno di Legge n. 999/2015, attualmente in attesa di discussione all'ARS che, risolverà definitivamente il problema è frutto dell'amicizia che mi lega all'Onorevole Lupo, che pubblicamente ringrazio per avere preso a cuore le legittime istanze della Comunità Lercarese.
Colgo l'occasione per augurarVi di cuore una festa della Patrona all'insegna della serenità e della riscoperta dei valori amicali e familiari.

Lercara Friddi, lì 19.08.2015                                                                                                                                                                 
                                                                                                                                                                                              

                                               Cordialmente
                                               Giuseppe Ferrara




 
 
 
 
 
 



Il Sindaco



     Gentili Concittadini, utilizzo come sempre il mezzo pubblico e sottoscrivo quanto affermo, non trincerandomi facilmente ed anonimamente dietro marchi di partito.
    Mi sarei aspettato che il variopinto manifesto che imbratta le vie di Lercara Friddi  fosse stato appeso durante il periodo di Carnevale e non in  piena Quaresima.
    Perché, Cari Concittadini, di carnevalata di pessimo gusto si tratta poiché il contenuto  non corrisponde assolutamente al vero.
    Un attacco personale, vile, strumentale, infondato, figlio di un modo obsoleto di far politica.
    La Mia Amministrazione e gli Organi preposti, hanno avuto sempre a cuore le problematiche e le legittime esigenze della Scuola, convinti che il futuro delle nuove generazioni sia intimamente connesso alla Istruzione.
   Diversi progetti, in linea a quanto deciso dal Governo Renzi, sono stati presentati e quasi tutti sono stati  finanziati in tutto od in parte, come  dimostrerò in narrativa.
    Mi rammarica solo che si sommano algebricamente le cifre stanziate agli altri paesi, dimenticando di prodigarsi per rimpinguare quelle del proprio.
    Il Nostro Comune ha sposato in pieno le possibilità espresse dalle  lodevoli disposizioni legislative emanate dal Governo Renzi in merito all’edilizia scolastica.
   Basti pensare che il Comune di Lercara Friddi, in data 19 Marzo 2014, prontamente ha risposto all’appello del 3 Marzo 2014 dell’attuale Presidente del Consiglio, facendo richiesta di cantierare 3 progetti:
1) Edificio  Scolastico Sartorio per Euro 595.117,00;
2) Edificio Scolastico Trieste per Euro 1.433.839,00;
3) Edificio Scolastico Paolo Borsellino per Euro 598.839,00.

Tutti i progetti sono stati finanziati con la lusinghiera dicitura "Scuole Belle" nella seguente misura:

1) Edificio  Scolastico Sartorio per Euro 14.000,00;
2) Edificio Scolastico Trieste per Euro 15.400.00;
3) Edificio Scolastico Paolo Borsellino per Euro 16.800.00,

le somme inerenti saranno direttamente corrisposte alla Istituzione Scolastica.

    Inoltre, in riferimento alla lettera del 3 Giugno 2014 del Presidente p.t. dell’ANCI Pietro Fassino, con la quale si comunicava la lettera del Presidente del Consiglio Renzi riguardante l’informativa di “segnalazioni di caserme bloccate, immobili abbandonati, cantieri fermi, procedimenti amministrativi da accelerare”, prontamente il 13 Giugno 2014 si segnalava l’edificio Inail ex Presidio Medico Ambulatoriale e l’Edificio Comunale ex Ludoteca, già Ufficio di Collocamento.
     Il Comune ha, poi, presentato altre tre  richieste di finanziamento.
    Mi piace comunicare con orgoglio che  il progetto Edificio  Scolastico Sartorio per Euro 595.117,00 è stato dichiarato ammissibile e che il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti ha finanziato per l’importo di Euro 563.000,00 i lavori di messa in sicurezza e riduzione dei rischi della Scuola Media Trieste.
     Se la matematica non è un’opinione strumentalizzabile, si nota come Lercara abbia già ottenuto finanziamenti per Euro 609.200,00 e ben speriamo negli ulteriori Euro 595.117,00 per il Progetto relativo all’Edificio Sartorio ritenuto ammissibile.
     Utilizzando uno slogan caro al nostro Presidente del Consiglio, questa è la politica del fare, scevra dai personalismi, dai sotterfugi e dalle incrostazioni.
     Una politica sana che è stata persino avversata da alcuni compagni di partito del Presidente Renzi ancorati a criteri clientelistici e correntizi.
     Noi tireremo dritto, a testa alta, con l’umiltà e la consapevolezza di servire senza alcun interesse personale immuni  da mezzi di stampa  staliniana.
     Ben vengano le iniziative del Presidente Renzi, ben vengano gli inviti a fare e creare, noi saremo pronti ad accogliere con dinamismo e progettualità tutte le possibilità di sviluppo e di finanziamento.
     In tempi di crisi, non si crea disinformazione, si ci documenta, si chiede, si studia, si ci confronta per fare Comunità.
     E’ necessario unire lealmente le forze in nome del bene comune, piuttosto che accusare senza alcun fondamento di sorta.
     Quanto da me scritto è chiaramente documentato negli atti allegati alla presente e chiunque potrà prenderne visione.
     Sempre pronto al confronto leale e democratico.

Cordialmente
Giuseppe Ferrara




 
 
 
 
 

                                                                                                                                                                                   

LETTERA APERTA AI CITTADINI
del 13 Gennaio 2015

Cari Concittadini ......
leggi


                                                                                                                                                                                                                                                                  

 
 
 
 
 



                     
Dottore
Ferrara Giuseppe Pasquale


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu