Feste/Tradizioni - Comune Lercara Friddi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Feste/Tradizioni

Turismo

Lercara è una città nuova, popolata grazie al contributo di coloro che ivi trasferendosi, portarono con sé le loro tradizioni. Si trovano a Lercara diverse anime, diverse culture, diversi modi di interpretare la fede dalla  purezza ascetica al delirio spagnoleggiante. Un ricco carnet di manifestazioni si snoda durante l’anno solare.
A febbraio si celebra la festa di S. Biagio e vengono benedetti  “i cuddureddi”, dolcetti che ricordano la forma della gola e che vengono distribuiti nel corso di   una solenne celebrazione.
Il carnevale prevede la sfilata di carri allegorici e di gruppi mascherati ed ha raggiunto nel corso degli anni un ottimo livello. Un vero e proprio tripudio di colori si snoda per le vie del paese , in una atmosfera  di  simpatica allegria.
Per la festa di S. Giuseppe, vengono allestite nelle case dei fedeli, per voto o devozione, “le tavulate”, predisposte con grande cura e traboccanti di ogni genere di pietanze e di primizie. Pani intrecciati in forme bizzarre ed antropomorfe, prendono posto accanto a festoni di alloro, a bandiere, a dolci e frutti di ogni genere.
Spettacolare  è il rito della Settimana Santa che,  inizia con la Domenica delle Palme, con una processione rievocativa dell’evento evangelico. Il sacerdote, affiancato da due fanciulli, seguito dai dodici apostoli in costume e con gli attributi del loro martirio, incedono  in un tripudio di palme e  rami di ulivo levati  dal  popolo in festa. Il Giovedì Santo è caratterizzato dal rito della lavanda dei piedi che si conclude con la  deposizione del SS. Crocifisso in un ricco ciborio che simboleggia  la prigionia del Cristo. Il Venerdì Santo vede la solenne processione che rievoca la passione e morte del Redentore , un mesto corteo silenzioso si accoda alla Madonna Addolorata, meditando e pregando.
Pasqua: nella splendida e barocca cornice della piazza Duomo, in mezzo alla gente  trepidante e commossa, si snoda la sacra rappresentazione dell’incontro tra il Cristo Risorto, la Vergine e S. Michele Arcangelo. Il simulacro di S. Michele  corre da una parte all’altra  della piazza dove sono posti il Cristo Risorto e la Madonna. A mezzogiorno in punto, il Cristo e la Vergine si incontrano, un applauso scrosciante e liberatorio sale al cielo accompagnato dal suono a storno delle campane.

Maria SS. di Costantinopoli
è la festa principale sia per l’entità delle manifestazioni, sia per la rilevanza esterna. Il 20 agosto una solenne  processione rievoca il ritrovamento del graffito della Madonna,  favilla della celebrazione. Il 21agosto il Concerto d’estate raccoglie  un enorme numero di persone che si ritrovano nella Piazza Duomo e nel Corso principale, illuminati a giorno e ricolmi di mercanzie. Particolare rilevanza assume la “Fiera del Colle”, appuntamento annuale con una esposizione di prodotti tipici e manufatti artigianali, frutto del lavoro e della professionalità delle maestranze locali.
S. Rosalia - Il 4 Settembre si snoda una sentita e suggestiva processione.
Il Crocifisso è la festa religiosa più importante e sentita. L’intero paese, il 19 settembre si stringe attorno al suo miracoloso Crocifisso. Lunghe  file di donne e uomini scalzi, conducono ceri votivi ed incedono in religioso silenzio  nella contemplazione del mistero della morte di Cristo

Per l’Immacolata si effettua una processione dopo una novena  di preparazione.

Il 13 Dicembre per Santa Lucia, i ragazzi, nei propri quartieri, realizzano le tradizionali “vampe”, simbolo del martirio dell’illustre figlia di Sicilia.
25 Dicembre – Nell’ambito del Natale, oltre alle numerose attività religiose (novene, messe, veglie) vengono organizzate mostre, concorsi vari come  “La vetrina d’arte”, “Il premio Bontà” ed “il Presepe d’arte”.


ITINERARIO ENO-GASTRONOMICO


Visitare Lercara Friddi significa anche accostarsi alla sua ricca e variegata gastronomia. Attingono alla tradizione le cosiddette "nfriulate” , particolari pani realizzati con farina di frumento duro e con un ripieno di verdura, salsiccia e patate; le “panelle“, ovvero frittelle realizzate con farina di ceci; le “muffulette”, pani tipici che si consumano la vigilia dell’Immacolata, condite con ricotta, cacio cavallo, sugna o olio, sale e pepe.
Il nome di Lercara è famoso nel mondo per la raffinata arte della pasticceria, per la preparazione della “Pantofola”, un dolce tipico con il ripieno di mandorle,  miele, canditi e cioccolato. Squisiti i cannoli, le cassate siciliane ed il gustoso gelato artigianale.



 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu